sicurezza cantieri salute

Italia Loves Sicurezza è il movimento di persone (definite “ambassador”) che sta contribuendo a cambiare la cultura in ambito salute e sicurezza in Italia, innovando il modo di comunicare questi valori.

Ogni anno in Italia circa 1000 persone perdono la vita sul luogo di lavoro. A questi si aggiungono migliaia di vittime causate da incidenti stradali e domestici e moltissime migliaia di infortuni gravi occorsi a lavoro, in strada, in casa e nel tempo libero.

Tutto questo è inaccettabile perché frutto di una cultura sbagliata, che presta poca attenzione alla prevenzione e all’adozione di comportamenti e di stili di vita sani e sicuri.

In occasione del 28 aprile, Giornata Mondiale della Sicurezza sul Lavoro, il movimento organizza eventi di vario genere, in tutte le città italiane, per diffondere questa nuova cultura della sicurezza.

Come NORD PAS, abbiamo aderito attraverso i nostri soci e collaboratori al movimento di Italia Loves Sicurezza organizzando, per il prossimo 27 aprile un “Safety Show”. Con linguaggi e forme diverse vogliamo divulgare messaggi che faranno leva sulle emozioni e sulla leadership personale al fine di aumentare la consapevolezza e la capacità di prendere decisioni nelle situazioni in cui sono a rischio la salute e la sicurezza proprie e di chi si ha a cuore.

Il programma, in sintesi, prevede interventi de I PAPU, duo comico pordenonese che negli ultimi anni è molto attivo sull’argomento, avendo collaborato con ANMIL e con l’A.S.L. fino a produrre video educativi in materia. Seguiranno testimonianze di invalidi sul lavoro, associati all’ANMIL, che serviranno a sensibilizzare soprattutto i giovani sull’importanza di guardare con atteggiamento proattivo ai temi di salute e sicurezza. Infine vi sarà la proiezione di un cortometraggio, realizzato da Saipem e dalla fondazione LHS (Leadership in Health and Safety – fondazione che supporta il movimento Italia Loves Sicurezza), vincitore di premi a livello internazionale e apprezzato per sceneggiatura e regia.

L’evento è rivolto in modo particolare agli studenti delle scuole superiori, che iniziano a frequentare gli stage dell’alternanza scuola-lavoro e ai dirigenti e funzionari delle aziende, che li ospitano.

INGRESSO LIBERO, fino ad esaurimento posti dell’Auditorium.

Per informazioni potrete contattarci tramite:

e-mail: info@nordpas.com

tel. 0434 924154

sicurezza cantieri salute

Il 31 marzo 2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della UE (GUUE) il nuovo Regolamento (UE) 2016/425 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016 sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la Direttiva 89/686/CEE del 21 dicembre 1989, direttiva concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative ai dispositivi di protezione individuale (DPI).
Il Regolamento sarà applicabile a decorrere dal 21 aprile 2018, lo stesso stabilisce requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei dispositivi di protezione individuale (DPI) che devono essere messi a disposizione sul mercato, al fine di garantire la protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori, e stabilisce norme sulla libera circolazione dei DPI nell’Unione.
L’obiettivo del Reg. 2016/245, è assicurare che i DPI sul mercato soddisfino requisiti che offrano un livello elevato di protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori, garantendo nel contempo il funzionamento del mercato interno. Per facilitare il passaggio alla nuova legislazione e ai conseguenti obblighi, è previsto un periodo transitorio dal 21 aprile 2018 al 20 aprile 2019, durante il quale gli attori della catena distributiva avranno tempo di adeguare la certificazione dei DPI al nuovo Regolamento e quindi di smaltire i prodotti a magazzino.
I DPI progettati e fabbricati conformemente alla Direttiva 89/686/CEE potranno essere immessi sul mercato per la prima volta sino al 20 aprile 2019.
Questo vuol dire che si possono progettare, fabbricare e quindi certificare nuovi DPI secondo la Direttiva anche dopo l’applicazione del Regolamento purché entro e non oltre la data del 20 aprile 2019. Inoltre i DPI messi a disposizione sul mercato ossia quelli progettati, fabbricati e certificati secondo la Direttiva, manterranno comunque la validità dei propri certificati CE sino al 21 aprile 2023, salvo che non cambi la classificazione di rischio del DPI, che non cambi la progettazione e/o la fabbricazione dall’ultimo esame CE del tipo e non cambino le norme armonizzate di riferimento che forniscono presunzione di conformità.

sicurezza cantieri salute

Una nuova relazione dell’EU-OSHA evidenzia i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori dei porti che vengono a contatto con container da trasporto sottoposti a fumigazione.
La relazione offre una panoramica della normativa e individua le lacune nelle conoscenze esistenti in questo ambito.
Si forniscono inoltre esempi pratici e strategie preventive per migliorare la prassi corrente e la sicurezza e la salute dei lavoratori.
Una raccomandazione chiave è quella di compiere in modo prioritario le valutazioni dei rischi prima dell’apertura dei container e di applicare la normativa in materia di etichettatura
dei container.
Per approfondimenti è possibile prendere visione del relativo comunicato stampa.

gestione ambientale

È operativo il nuovo sito gestito dall’ENEA, per la trasmissione dei dati relativi agli interventi di efficienza energetica ammessi alle detrazioni fiscali (dal 50% all’85%) e conclusi dopo il 31 dicembre 2017.
Per aiutare gli utenti a risolvere i problemi di natura tecnica e procedurale sul portale, sono disponibili un vademecum, risposte alle domande più frequenti, la normativa di riferimento e un servizio di help desk a cui inviare i propri quesiti.

sicurezza cantieri salute

Regolata dalle norme contenute nel Testo Unico, l’assicurazione Inail punta a estendere la tutela a nuove categorie di lavoratori (parasubordinati, dirigenti, sportivi professionisti dipendenti, casalinghi/e).
Il datore di lavoro è quindi tenuto a presentare all’Inail la denuncia dell’attività esercitata, in quanto ritenuta rischiosa.
Inail ha pubblicato una guida, divisa in cinque sezioni, che analizza le attività lavorative che la legge definisce rischiose.
Analizza inoltre la figura del datore di lavoro, sia pubblico che privato, tenuto a stipulare l’assicurazione e a versare i relativi premi, ed elenca i lavoratori tutelati.