In Nord Pas 14000 festeggiamo un grande traguardo: Q-81® HSE WEB APP è il primo software specifico nell’HSE management, rivolto ai titolari del trattamento, certificato secondo lo schema ISDP©10003.

La certificazione  ISDP©10003, sebbene in attesa dell’approvazione dell’autorità Garante ai sensi dell’art. 42.5, rappresenta un importante strumento per la valutazione della conformità al Regolamento Europeo 2016/679 (GDPR). 

 

La certificazione è stata rilasciata dall’Organismo di Certificazione INVEO, accreditato da Accredia (Ente unico di accreditamento designato dal governo italiano ai sensi del Reg. 765/2008/CE) nell’ambito delle attività di data protection, a fronte dellanorma ISO/IEC 17065:2012.

 

La scopo della certificazione è: 

“Piattaforma “Q-81® HSE WEB APP Vers.5.3.5”, in versione on premise e on cloud, da utilizzare per il trattamento e monitoraggio dei processi di adeguamento in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, tutela ambiente, qualità e tutela dei dati personali e relativi servizi di assistenza.

 

La sicurezza dei dati e delle informazioni della nostra clientela, dei nostri collaboratori e dei nostri partner, rappresenta una priorità in ogni fase del nostro lavoro. 

NORD PAS 14000 S.r.l. si avvale di partner tecnologici esclusivamente certificati secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 27001:2017.

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali il 13 maggio 2021 ha adottato un documento di indirizzo sulla vaccinazione nei luoghi di lavoro dove fornisce indicazioni sulle corrette modalità di gestione dei dati personali dei dipendenti.

Gli aspetti trattati riguardano:

  • la raccolta delle adesioni, pianificazione e somministrazione delle vaccinazioni

  • la registrazione nei sistemi regionali dell’avvenuta vaccinazione

 

Cosa stabilisce il documento emesso dal Garante Protezione Dati Personali in tema di vaccinazioni

Il Documento del Garante si inserisce nel contesto delle vaccinazioni nei luoghi di lavoro, a seguito dell’emanazione del Decreto del Ministero della Salute del 2 gennaio 2021 (“Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da Sars/cov-2”) che prevede che, a seguito dell’aumento della disponibilità dei vaccini, vengano realizzati dei punti straordinari di vaccinazione nei luoghi di lavoro. Vedi anche Protocollo vaccinazioni in azienda: come attivarlo

Il Garante sottolinea che “tale iniziativa, comportando trattamenti di dati personali anche relativi alla salute dei lavoratori, se da un lato può rappresentare un’opportunità per supportare la campagna vaccinale e per rendere più semplice, per i lavoratori, l’accesso alla vaccinazione, dall’altra dovrà essere attuata nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati (Regolamento (UE) 679/2016 e Codice in materia di protezione dei dati personali) e delle norme emanate nel contesto dell’emergenza epidemiologica in corso”.

A cosa prestare attenzione

In tale quadro, non è comunque consentito al datore di lavoro raccogliere, direttamente dagli interessati, tramite il medico competente, altri professionisti sanitari o strutture sanitarie, informazioni in merito a tutti gli aspetti relativi alla vaccinazione, ivi compresa l’intenzione o meno della lavoratrice e del lavoratore di aderire alla campagna, alla avvenuta somministrazione (o meno) del vaccino e ad altri dati relativi alle condizioni di salute del lavoratore.

Anche nell’ambito dello svolgimento delle attività di supporto resta salvo il divieto, per il datore di lavoro, di trattare i dati personali relativi a tutti gli aspetti connessi alla vaccinazione dei propri dipendenti. Inoltre, tenuto conto dello squilibrio del rapporto tra titolare e interessato nel particolare contesto lavorativo, il consenso dei dipendenti non può costituire un valido presupposto di liceità.

In fase di Raccolta delle adesioni e di pianificazione delle vaccinazioni, l’informazione relativa all’adesione volontaria da parte della lavoratrice e del lavoratore deve essere trattata solo dal professionista sanitario opportunamente individuato; nel piano, elaborato con il supporto del professionista sanitario e presentato dal datore di lavoro all’ASL territorialmente competente, non dovranno essere presenti elementi in grado di rivelare l’identità dei lavoratori aderenti all’iniziativa.

Il datore di lavoro, attraverso le competenti funzioni interne, potrà fornire al professionista sanitario indicazioni e criteri in ordine alle modalità di programmazione delle sedute vaccinali, senza però trattare dati personali relativi alle adesioni di lavoratrici e lavoratori identificati o identificabili.

Sulla base dello stato della regolazione attualmente in vigore e considerata la libertà di scelta da parte delle persone in ambito vaccinale (fatta eccezione per quanto previsto con riguardo alla vaccinazione dal personale sanitario), dal consenso o dal dissenso del lavoratore ad aderire alla campagna vaccinale non possono derivare conseguenze, né positive né negative.

In ogni caso, preme sottolineare che il datore di lavoro non potrà chiedere al dipendente conferma dell’avvenuta vaccinazione o richiedere l’esibizione del certificato vaccinale; può invece acquisire, in base al quadro normativo vigente, i soli giudizi di idoneità alla mansione specifica e le eventuali prescrizioni e/o limitazioni in essi riportati, come indicato dal Garante nelle FAQ .

 

Si è appena conclusa  la storica regata d’altura 151 Miglia, un’iniziativa a supporto e testimonianza del vivere sostenibile che ha riportato in acqua oltre 200 barche nelle acque dell’Arcipelago Toscano dopo l’annullamento forzato, causa Covid, dell’edizione 2020.

La competizione, ideata da Roberto La Corte e organizzata dallo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e dallo Yacht Club Punta Ala, consiste in una lunga navigazione attraverso l’arcipelago toscano fino allo scoglio della Giraglia, davanti a Capo Corso:  151 miglia nominali di mare.

E’proprio l’organizzatore della regata, Roberto La Corte, che pone l’attenzione sulla sostenibilità e punta su eventi come la 151 Miglia per diffondere la cultura ambientale. “Durante le regate d’altura è fondamentale saper gestire le risorse. Così come imparare a gestire i rifiuti prodotti a bordo. Noi velisti lo sappiamo e dobbiamo farlo sapere. Uno scambio di idee tra Verde come vela, Boat Ecology e 151 Miglia è già previsto per la prossima edizione della regata. Vogliamo promuovere la cultura della sostenibilità: per migliorare l’integrazione e l’armonia tra i velisti, ma più in generale tra le persone e l’ambiente. Si fa qualcosa di buono e si sta anche meglio”, ha dichiarato La Corte.

Nordpas sostiene Padawan, capitanata da Luca di Guglielmo

“Per noi la 151 miglia è stata quasi un ritorno alla normalità” ci spiega Luca Causser CEO Nordpas “un’energia positiva che abbiamo percepito, la voglia di ritornare sul campo a gareggiare, a fare squadra. In fondo anche il mondo aziendale funziona con le stesse logiche. Noi ci troviamo ogni giorno a dover risolvere problemi complessi, di sicurezza e l’importanza della tecnologia e del gioco di squadra sono valori fondamentali alla base del lavoro di Nordpas, che abbiamo riscoperto anche nel team di Padawan, cui va tutto il nostro sostegno”.

Luca di Guglielmo, classe 1984, lo skipper e armatore di Padawan si definisce così: “sono un sognatore, imprenditore, coach, velista e amante delle auto. Dal  2014 opero nella mia società di business coaching, crescITA, poi ampliata con le business unit che si occupano di team building e di sailing experience. Il mondo della vela ha tanto da trasferire a quello aziendale: l’attenzione e motivazione della squadra/equipaggio, la tattica, la strategia e la sostenibilità ed efficienza. Attualmente mi occupo della gestione delle mie aziende, sono un business coach, gestisco la squadra di vela e gareggio nel campionato di enduro”.

 

Abbiamo intervistato il Capitano per farci raccontare i retroscena di una regata, della tensione che si respira, della concentrazione che richiede una gara come la 151 miglia:

Quanto conta il Team Building per il raggiungimento del risultato?

Tantissimo! Grandi risultati sono possibili solo in un team affiatato, perché l’insieme vale molto di più della somma dei singoli.

Incontro spesso persone che credono che da soli si riesca ad andare più veloci, a fare prima. Di solito la mia risposta è: assolutamente vero! Ma insieme, con un vero team si va molto, molto più lontano e con meno fatica.

La creazione e motivazione di un team (velico, aziendale, anche familiare) è quello che fa la differenza tra chi arriva in alto con felicità e gli altri.

Vela: più istinto o tecnica?

Bella domanda! Nella vela la tecnica, le cose da sapere e comprendere sono tantissime, è uno dei motivi che me la fanno amare. Le cose difficili mi danno grande soddisfazione quando riesco a farle.

L’istinto aiuta sicuramente a fare meno fatica e sostenere l’attenzione in competizioni che durano 30 ore e più. Nel mio caso viene dopo la tecnica.

Ogni volta che arrivi ad un certo livello, si apre la strada ad un ulteriore miglioramento e ad un mondo ancora più ampio. E’ così in tutte le cose della vita: se non ti accontenti puoi crescere e migliorare per sempre, non arrivi mai.

Perché una regata è una scuola di sostenibilità?

La vita in barca è come essere su un piccolo pianeta “indipendente”.

Quando parti devi fare i conti con i pesi perché ogni kg portato fa andare più piano e non hai rifornimenti fino alla fine. Quindi risorse scarse da gestire.

Non puoi utilizzare troppo oggi, subito,  perché non ti basteranno le risorse, quindi è necessaria una gestione oculata fin dall’inizio.

Altra metafora è l’energia personale: all’inizio tutto l’equipaggio è carico di energia e ti verrebbe voglia di fare manovre e azioni senza conservarsi ma la regata è lunga e senza gestirsi non si arriva in fondo. Bisogna riposare anche quando ci si sente carichi perché stiamo assicurandoci di arrivare alla fine con buone performance.

 

“Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare.”         ANDY WARHOL

 

 

Con l’emanazione del “Protocollo nazionale per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di lavoro” dello scorso 6 aprile, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute e le Parti sociali hanno inteso dare un contributo alla rapida realizzazione del Piano vaccinale.

Punto saliente del Protocollo: i datori di lavoro DdL manifestano la disponibilità ad attuare piani aziendali per la predisposizione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2 (Covid-19) nei luoghi di lavoro destinati alla somministrazione in favore delle lavoratrici e dei lavoratori che ne abbiano fatto volontariamente richiesta.  Vedi in breve come attivare il protocollo.

Le infomazioni: il punto chiave per ottenere il consenso informato

Per la corretta realizzazione del Piano è fondamentale fornire le necessarie informazioni alle lavoratrici e ai lavoratori sui vantaggi e sui rischi connessi alla vaccinazione e sulla specifica tipologia di vaccino. In quest’ottica è di primaria importanza il coinvolgimento del medico competente, che potrà avvalersi anche dell’intero servizio di prevenzione e protezione.

Tra queste informazioni presenta sicuramente rilievo quella riguardante i possibili effetti indesiderati e le reazioni avverse ai vaccini. È fondamentale che le informazioni in materia provengano da fonti ufficiali, scientificamente attendibili, come il Rapporto sulla Sorveglianza dei vaccini COVID-19 pubblicato nella sua terza edizione dall’AIFA  nei giorni scorsi.

Rapporto AIFA: l’importanza di utilizzare fonti ufficiali e dati scientificamente attendibili

Il Rapporto AIFA in versione integrale illustra i dati rilevati sul territorio nazionale riguardo alle segnalazioni ricevute dalla Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) nel periodo 27/12/2020 – 26/03/2021 relativamente ai vaccini attualmente autorizzati e somministrati nel nostro Paese:

  • il vaccino a mRNA Pfizer/BioNTech denominato Comirnaty (autorizzato dal 22/12/2020 e utilizzato dal 27/12/2020);
  • il vaccino a mRNA Moderna denominato COVID-19 Vaccino Moderna (autorizzato dal 07/01/2021 e utilizzato dal 14/01/2021);
  • il vaccino a vettore virale ricombinante di AstraZeneca, ora denominato Vaxzevria (autorizzato dal 29/01/2021 e utilizzato dal 01/02/2021).

L’infografica contenuta nel rapporto evidenzia i dati sommari sino a qui raccolti:

 

 

Le analisi dei dati vengono poi dettagliate per:

  • Distribuzione per sesso, età e tipologia del segnalatore
  • Distribuzione per gravità ed esito
  • Distribuzione per numero di dose
  • Distribuzione per tipologia di evento
  • Casi con esito fatale dopo vaccinazione
  • Eventi tromboembolici e Vaxzevria (ex COVID-19 Vaccine AstraZeneca)
  • Anafilassi
  • Eventi avversi neurologici e disturbi sensitivi soggettivi
  • Riattivazione di infezioni latenti

Come riportato nello stesso rapporto “una corretta informazione è alla base di ogni scelta consapevole” e riteniamo che una sua lettura approfondita possa contribuire a fornire ai servizi di prevenzione e protezione le conoscenze per supportare il medico competente nella necessaria opera di promuovere apposite iniziative di comunicazione e informazione sulla vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19.

cartiere fedrigoni

Con piacere avviamo un’importante progetto di supporto consulenziale per le cartiere Fedrigoni SpA.

Scopri come informatizzare ISO 45001 con Q-81® HSE WEB APP, il software specifico per la salute e sicurezza sul lavoro.